sorgente: https://puntodidomanda.altervista.org/le-donne-come-gli-uomini

Le donne nel tempo sono cambiate. Se la sensualità è rimasta la stessa, la tenerezza ha diminuito la sua intensità. Ci sono ancora donne gradevoli, ingenue e attraenti ma, nel frattempo, molte altre sono peggiorate. Non hanno solo mutato la loro fisionomia, apparendo più audaci e aggressive anche nel look oltre che nell’atteggiamento, ma hanno cambiato mentalità, optando per una mentalità prettamente maschile. Chi voleva un figlio maschio e aveva la predilezione per il sesso maschile se lo ritrova davanti solo con la gonna. Le donne hanno cominciato a fumare, ad avere molteplici relazioni proprio come gli uomini, a puntare al potere, ad avere un atteggiamento spavaldo e superbo, a imporre il proprio punto di vista, a essere smoderatamente orgogliose, profondamente crudeli, tremendamente nervose e isteriche . Molte sono apparse perverse, libidinose e peccaminose. Donne che sono diventata esempio assoluto di forza e virilità più degli uomini. Ci siamo trovati davanti donne in gamba, in carriera, arriviste, sadiche, bugiarde, piene di sé, sprezzanti, arroganti e presuntuose. Ragazze volubili dalla personalità labile hanno cominciato ad avere molteplici amori, storie leggere senza intensità, avventure di un giorno nate solo per arricchire collezioni di uomini, tritati nel tritacarne delle emozioni carnali. Abbiamo trovato donne viscide, capaci di ogni bassezza, invidiose e superbe, ansiose e superficiali. Molte donne hanno imparato, come gli uomini, ad avere segreti nascosti, scheletri nell’armadio, ad essere gaudenti, indifferenti, diffidenti. Terribili segreti sono rimasti racchiusi nel cuore di molte donne all’apparenza normali Intanto la vita privata ha cominciato ad andare a rotoli, con divorzi, aborti, separazioni, nuove nozze . Le donne hanno cominciato, come gli uomini, ad essere allergiche al matrimonio, considerato una rovina, una privazione di libertà. Molte hanno perduto lo spirito e l’istinto materno. Alle donne a un certo punto tutto sembrava possibile: carriera, libertà sessuale, come gli uomini, vita sregolata. Si è dimenticato il rispetto, le regole sociali. Donne giovani hanno sedotto nonni, professori. Di fronte a un abbandono sentimentale invece di soffrire, di raccontare si sono gettate nelle braccia di altre persone come per una voglia di libertinaggio. Molte accortesi di essersi gettate troppo nella mischia sono cadute in depressione, sono andate dallo psicanalista. Certi passati, certi trascorsi erano troppo ingombranti per una donna. Le donne si sono date al bere, alla droga, sono scese fino all’ultimo gradino della corruzione. Poi abbiamo scoperto che c’erano donne disposte ad abortire, a disfarsi dell’ingombro fagotto mentre il loro convivente era favorevole alla sua nascita. Si sono addirittura rovesciati i ruoli. Ora sono le donne che come gli uomini rifiutano gravidanze indesiderate. Con più accanimento respingono la vita, con rabbia e determinazione in nome della libertà. Come uomini sono scivolate verso il cinismo, l’incomprensione, la freddezza, il controllo delle emozioni. Ora sono le donne che ripudiano, offendono, deridono, infieriscono. Allora ci domandiamo dove sia finita la tenerezza femminile. Il riscatto del mondo femminile sembra approdare alla negazione della vita stessa, alla soppressione del futuro.

sorgente: https://puntodidomanda.altervista.org/le-donne-come-gli-uomini