Il mondo è diviso in due classi sociali: l’élite e le masse. I primi sono il 10% della popolazione mondiale che sa come funziona il mondo e si arricchisce sempre di più, mentre il 90%, la gente, diventa semrpe più povera e sempre più schiava.

Fanno parte dell’élite i milionari proprietari delle multinazionali e i banchieri (lo Stato), artefici e beneficiari di un Sistema, la politica di gestione di tutto e tutti sulla terra, sconosciuto alle masse, di cui le masse sono vittime più o meno inconsapevoli, motivo per cui nessuno si ribella. La gente spera in riforme governative e finanziarie che non avverranno mai. Il Sistema è criminale contro le masse, ma rende ricchissimi e potentissimi i pochi che lo conoscono e lo sanno sfruttare, motivo per cui questi lo difendono fino al punto di eliminare chiunque si azzardi a minacciarlo (JFK).

Il mondo è cambiato molto negli ultimi trent’anni, ma la gente ne sa poco o niente. Fa tutto parte di un lavoro di maleducazione e di indottrinamento sulle masse da parte del media conglomerate e delle istituzioni, lo Stato, appunto. La gente è tenuta in una bolla d’illusione nella quale viene sfruttata fino all’osso. La gente lavora per lo Stato, per l’élite, convinta di lavorare per se stessi. Molti, rassegnati, dicono “Io sono dipendente (dello) con Partita I.V.A.”. La pressione fiscale è solo uno dei mezzi di indebolimento delle masse utilizzato dallo Stato. Ci sono molti altri metodi utilizzati dallo Stato, di cu la gente non sa assolutamente niente, e non vuole nemmeno saperlo, motivo per cui la gente è fottuta.

“Conoscere è potere”, il potere di arricchirsi e di salvarsi da un Sistema che punta a impoverirci e indebolirci sempre di più.

George Orwell nel suo libro 1984 scrisse “Se si vuole avere un’idea di come vivrà la gente nel XXI secolo, basterà immaginarsi uno scarpone sulla faccia di un uomo, per sempre”.

Il mondo come lo conosciamo noi sta per finire e l’unico modo per salvarsi è quello di entrare a far parte dell’élite. Ci si riesce sfruttando il sistema finanziario e imprendendo a livello multinazionali. Occorre essere super preparati e super competenti in materie più o meno direttamente correlate all’economia, all’imprenditoria e sugli investimenti.

Le due classi sociali corrono su due economie contrapposte: quella del ritorno degli investimenti per l’élite e quella del lavoro per le masse. La prima è in costante salita, mentre la seconda è in costante discesa. Se paghi le tasse fai parte delle masse, e come tale sei schiavo.

La disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza è la dimostrazione di tutto questo. L’élite, possiede già quasi l’80% della ricchezza totale della terra e diventa sempre più ricca, mentre tutti gli altri, la gente, diventano sempre più poveri.

Ci si salva  entrando a far parte dell’élite, e per farlo bisogna sapere quello che la gente non sa e non deve sapere.